L’ARENA

Passionale Aida con le voci della Turandot

Amarilli Nizza sorprende ancora……

Cambio della guardia nel cast areniamo per le ultime tre recite di Aida. E l’opera ritrova smalto, mordente, romanticismo e passione verdiana. In pratica il cast che ha dato gloria a Turandot è stato trasferito in Aida con l’aggiunta di Alberto Mastromarino (Amonasro)….. ed è subito trionfo. Merito questo di Marco Armiliato……   Armiliato trova Amarilli Nizza che dopo dieci anni di frequentazioni di questo personaggio in arena, riesce ancora a sorprendere. Dopo aver proposto una Liù straordinariamente nuova e moderna, questa beniamina del pubblico areniano, complice l’intesa con Armiliato, monda il personaggio da gran parte dei vezzi (e vizi) musicali-portamenti, inflessioni veriste, canto stentoreo sempre a suono spiegato- e offre una Aida essenziale, appassionata, romantica, orgogliosa, tenace. Nessuna nota lasciata al caso, filature stellari e non solo per il do dei cieli azzurri, ma in tutto il terzo e il quarto atto dona al pubblico una serie di autentiche perle, quanto a tecnica e gusto canoro tali da farci ammettere di aver ascoltato una fra le migliori Aida oggi in circolazione a livello mondiale.

G.Villani

Categorie: News

it Italian
X